Neuropatie periferiche e celiachia

Dolori cronici persistenti, insorti improvvisamente dopo un banale intervento chirurgico, anche dopo un'avulsione o una devitalizzazione dentaria, possono essere l'unico sintomo di una malattia preesistente non diagnosticata, la celiachia.
Spesso i medici sottovalutano l'entità del dolore cronico, attribuendolo a fattori emotivi, o reclutandolo in quell'enorme marea di sintomi dovuti allo "stress", diagnosi molto comoda, che cela, invece, un'incapacità del medico stesso di risalire ad una etiologia causale. La prescrizione abituale ricorre ad antidepressivi, a benzodiazepine, nei casi peggiori ad antiepilettici. Il paziente viene colpevolizzato come autore stesso del suo sintomo!
Sempre più spesso, invece, se si sa cosa cercare,le analisi indicano una malattia celiaca misconosciuta; non tutti sanno che si tratta di una malattia anche neurologica, per la presenza sugli enterociti, le cellule dell'epitelio intestinale, del recettore GM1, un ganglioside del sistema nervoso.
Quando il sistema immunitario aggredisce l'enterocita, aggredisce anche il sistema nervoso, con formazione di anticorpi anti- gangliosidi GM1.
Curare la malattia celiaca e negativizzare gli anticorpi antinervo è un passo decisivo nel miglioramento del sintomo dolore.