Finalmente un po' di chiarezza sulle morti da CoVid-19

Vi invito a leggere il link sottostante, molto chiaro e di facile comprensione, sulla scoperta della vera causa di morte nei degenti in terapia intensiva per CoVid-19, del tutto inaspettata: tromboembolia polmonare o CID (Coagulazione Intravascolare Disseminata)
Ora, l'articolo è esaustivo e per questo lo pubblico, ma sorge spontanea una domanda: perché questo virus dovrebbe indurre una risposta di questo genere, cioè in che modo causerebbe la formazione di trombi? L'autore liquida la questione parlando di "forte infiammazione", per noi la spiegazione potrebbe essere un'altra. Così come succede sempre durante un'infezione virale di tipo influenzale si ha, per immunità eterologa, una riacutizzazione della risposta di memoria ad altri virus, come il CMV, un virus herpetico capace, lui sì, di innescare la cascata coagulatoria.
Ecco che allora il rimedio che indicavo nel primo articolo sul Coronavirus, che scrissi in tempi non sospetti, era il 7 Marzo, quando ancora non era dilagata questa pandemia, l'AntiCD13, ora più che mai dimostra la sua validità terapeutica, come prevenzione efficace (perché il CMV condivide con il Coronavirus il recettore CD13), prima che possa instaurarsi il processo di formazione dei trombi.